domenica 28 aprile 2013

Zavorre: Internet.

Sembra paradossale, io stesso che tengo un blog, che tramite internet sono riuscito a fare moltissime cose... consideri internet una zavorra. In effetti in certi casi lo è.
In questo post ne esamino uno, quello che mi tocca più da vicino.
Piccola storia per focalizzare il problema. Lavoravo in una grande multinazionale dell'ITC, ma seguivo un cliente estraneo al core business dell'azienda. Più volte avevo chiesto di poter lavorare su progetti che fossero invece legati alla cultura aziendale, avevo ricevuto sempre promesse positive, quando se ne fosse presentata l'occasione. Ma siccome portavo soldi in azienda, mi hanno sempre tenuto presso quel cliente, finchè un bel giorno il top-mamagement decide di eliminare tutti coloro che non fossero legati al "core" aziendale.
Così continuai a lavorare per quel cliente con un'altra azienda (quella con cui ho avuto problemi piuttosto gravi).
I colleghi dipendenti dell'azienda cliente erano contenti del cambiamento, perchè finchè ero della multinazionale, dicevano, portavo solo il mio Know-how personale, invece come dipendente di una piccola azienda più tarata sulle attività di questo cliente, avrei portato il know-how dell'azienda stessa.
Ma ahimè scoprii qual era questo know-how! Motori di ricerca.
Ognuno lavorava come se fosse in un cubicolo sul su "pezzo".
[ a questo proposito ricodo che quando presi la certificazione ISIPM la "padrona" mi disse "ma tu ti sentiresti in grado di dividere un progetto in parti ed assegnare i compiti alle persone.... pensai: ma forse sarebbe meglio che ci fosse una visione condivisa - product backlog, cartellone del kanban, chiamalo come vuoi... e far collaborare le perone su questo! ]
Il cubicolante, quando non sapeva qualcosa che faceva? andava a cercare la risposta su internet.
Ora che con internet si possano scoprire fornitori di quello che ti serve in tutto il mondo, tool open source, articoli interessantissimi è stra-vero. Ma lavorando come l'aziendaccia si ottiene:
1) Know-how aziendale = 0. La soluzione trovata da te non divenda partimonio comune.
2) In molti "problemi" la formulazione verbale porta ad una chiarificazione del problema stesso. Per approfondire vedere questo sito. L'immisione di alcune parole chiave relative al problema nella finestrella search non porta a te stesso una visione più chiara del problema che hai davanti. La descrizione orale al collega ti aiuta e vederci meglio e le sue immediate obiezioni ti aiutano a guardalo da diversi punti di vista.

domenica 14 aprile 2013

Agile senza saperlo 13 - Pulici e Graziani

Loro sapevano di essere agili, ma in senso fisico, non nel senso dell' agile-manifesto!
In realtà il post che mi accingo ad inserire, non si rifà tanto ai 4 punti dell' agile-manifesto, pittosto ad alcune considerazioni, lette in Management 3.0
-
Non sono un'esperto di calcio, l'ultima partita vista risale al 1976 (Torino-Borussia). Ma io sono sufficientemente torinese da sapere chi erano Paolo Pulici (Pupi) e Francesco (Ciccio) Graziani.
In un'intervista sentita casualmente facendo zapping sui canali nel breve periodo in cui a volte guardavo la TV (1998-2008) un ex-calciatore, Natalino Fossati, sosteneva che Pulici e Graziani non erano per nulla amici. Avevano idee politiche diverse, non si frequentavano nel tempo libero, quando erano in ritiro, non condividevano mai la stesa camera, anzi si trovavano vicendevolmente poco simpatici. Ma erano due veri campioni, con una tale serietà professionale, che in campo il loro rapporto si trasformava al punto da essere chiamati "I gemelli del Goal".

Torno ai miei post su Malvern. Quante aziende, tra cui quella della mia penosa precedente esperienza lavorativa, oraganizzano cene, per "creare spirito di gruppo" ! Quante aziende, soprattutto quando c'erano i soldi, organizzavano "convention"! Quante aziende, e purtroppo ancora oggi, si immaginano un "tipo umano" di dipendente! Invece è proprio trovarsi a lavorare insieme, è proprio la grezza materia del lavoro che crea l'affiatamento se per tutti l'obiettivo primario è proprio il lavoro!
Ricordo che nella precedente azienda sono stato addirittura rimproverato di non andare a prendere il caffè con altri (anche se invece spesso andavo) o a pranzo insieme. Ma questi incontri finivano per essere infarciti di frasi di circostanza, oppure battute spesso pesanti su particolari categorie di persone (purtroppo non sono un omosessuale simpatizzante della Lega Nord, se lo fossi stato averi avuto motivi per fare denunce!). Invece se si fosse lavorato veramente in team, non dico "pair programming" ma almeno in team, magari qualcuno avrebbe apprezzato le qualità anche dei leghisti e degli omosessuali, e si avrebbero avuto cose sensate da dire durante la pause !!!
 
Erano: Cuccureddu, Facchetti, Maldera, Zoff ... a trasformare due calciatori che non si sarebbero altrimenti trovati per una cena insieme, nei Gemelli del Goal.

E' la realtà che ci fa muovere, non idote mistificazioni di essa.

domenica 7 aprile 2013

Malvern Sunday Morning

Volevo intitolare questo mio post Zavorre: La religione ma rileggendolo ho preferito il titolo che compare

Prima di procedere occorre riassumere brevemente i 3 punti post precedente.
1) Trote di Avigliana: le organizzazioni spesso introducono regole applicate solo formalmente, ma senza relazione con l'obiettivo per cui esse sono state ideate. L'effetto è negativo o nullo.
2) Il linguaggio religioso è fatto da riti e miti o racconti e segnali. I segnali hanno una grande forza comunicativa, ma posso essere "alienanti" senza il racconto, in particolare il "proprio" racconto.
3) Occorre avere uno spazio in cui "staccarsi" e vivere la propria diversità. Immagine, spiegata nel post precedente: "Domenica mattina a Malvern Pa."
------
Ora che il sistema comando e controllo sia superato, è un fatto abbastanza assodato, anche se nelle aziende italiche ancora prevalente. Spesso però le aziende che vogliono essere inovative, introducono "qualche novità" che ha effetti negativi.
Un esempio tipico è la PNL (o NPL secondo la sigla in inglese): un conto se è usata dai venditori ed imbonitori, un conto è introdurre tecniche nei rapporti all'interno dell'azienda per convincersi dei progressi fatti verso gli obiettivi. (Nella mia triste carriera ho pure incontrato un capo che la pensava così!)
La parola "cerimonie" è sempre più frequente in molte aziende. Conosco un tale che fu dipendente di un gruppo bancario importante e molto innovativo: raccontava di "convention" e mega incontri simili. Lui stesso era stato premiato con un pranzo insieme a #1 fondatore del Gruppo. Il mio conoscente dopo un po' se ne è andato in una società dove lo pagavano meglio. Ma l'idea di "azienda ritualizzata" sta abbastanza diffondendosi e porta con se un'idea di azienda totalizzante, dove i "valori" dell'azienda sono i valori dei dipendenti e non un sottoinsieme condiviso dei valori dei dipendenti. Il dipendente continua ad essere sempre più "l'arto mancante" dell'imprenditore (o manager) e sempre meno un "altro" che contribuisce con la sua diversità all'obiettivo aziendale.

Scrum parla anche di "cerimonie" ma queste cerimonie, ove Scrum non diventa una trota di Avigliana, sono racconti più che "riti".

Ricordo che un manager di un'azienda ancora molto comando-controllo, ed ancora molto legata all'estetica workaholic anni 80, si lamentava dei lavoratori liguri perchè d'estate "aspettano solo che finisca l'orario di lavoro per andare ad organizzare sagre di paese".
Io pensai 1) organizzare sagre di paese non è facile. Costoro avranno sicuramente una capacità di collaborare molto alta "fuori" dall'azienda. Male per l'azienda se al suo interno non esiste un clima in cui questa capacità collaborativa possa emergere 2) C'è comunque bisogno che l'orario finisca, che vi sia una Malvern Sunday Morning in cui ognuno trovi autonomamente dei propri spazi profondi  i cui frutti potranno poi essere riversati nell'impegno in azienda.

Vi sono poi i partiti-azienda legati ad un "guru" quarda caso delle telecomunicazioni. In Italia ne abbiamo due, quello della TV ed a queste elezioni è emerso anche quello di internet. Entrambi hanno contraddizioni molto simili. Entrambi amano troppo il "rito" rispetto al racconto. Sul primo ho poco da aggiungere rispetto alle miriadi di cose dette. Quando il "guru" del secondo ha detto che vorrebbero essere una "comunità" mi sono venuti i brividi ed ho valorizzato molto il cattivo don Rodrigo del Manzoni quando disse 
"sa lei che, quando mi viene lo schiribizzo di sentire una predica, so benissimo andare in chiesa, come fanno gli altri? Ma in casa mia! Oh! - e continuò, con un sorriso forzato di scherno: - lei mi tratta da più di quel che sono. Il predicatore in casa! Non l'hanno che i principi."